Trade the Market with my "Price Action Naked Method"

Su Forex, Indici, Materie Prime e Azioni
 
 
Articoli, commenti e strategie con Arduino Schenato!

 

 

Articoli e Video GRATIS!

 

Diventare Trader Ep. 31: Il prezzo e la tecnica, la domanda e l'offerta

Buongiorno a tutti traders, in questo articolo vorrei fare alcune considerazioni su un articolo riportato su il sole 24 ore. (clicca qui per leggerlo)

Matteo Paganini, analista ed esperto del mercato delle valute nonchè amico da svariati anni del nostro Arduino Schenato, analizza quali sono le principali motivazioni che portano i piccoli traders a perdere soldi. Racchiude queste motivazioni in tre sfere: la tecnica, la gestione del rischio e la psicologia.

Queste tre sfere, così come le definisce Paganini, sono parte integrante del nostro modo di fare trading. Se vogliamo essere precisi, sono parte del mindset del trader che ognuno di noi dovrebbe svilluppare e perfezionare.

Mi ha colpito, in particolar modo, questo articolo quando ha parlato della tecnica, affermando:

“Se chiedessimo a tutti i trader italiani se durante la forte discesa dei mercati post Covid ci fossero più compratori o venditori, molto probabilmente riceveremmo per risposta che i venditori erano in numero maggiore. Se il mercato scende, d'altronde, lo si sta vendendo. La risposta corretta è che il numero di venditori ed il numero di compratori è esattamente uguale, si tratta soltanto della concretizzazione di un comportamento irrazionale, nell'esempio dettato dalla paura di non sapere cosa succederà in futuro, che porta a dichiararsi disponibili a vendere a qualunque prezzo, incontrando le offerte degli acquirenti che, comprendendo questo stato di tensione, cercano di sfruttare la situazione proponendosi disposti a comprare a prezzi che loro ritengono, in quel preciso momento, vantaggiosi.”

Questa parte mi è servita per consapevolizzare che il prezzo di un mercato in un preciso momento non è, propriamente, l’equilibrio tra i venditori e i compratori, bensì, l’equilibrio tra il valore a cui i venditori ritengono vantaggioso vendere e il valore a cui i compratori ritengono vantaggioso comprare. Da questa consapevolizzazione scaturisce una visione del mercato intesa come flussi di capitale: un mercato in salita corrisponde con la volontà da parte degli acquirenti di ritenere costantemente vantaggioso il prezzo del mercato e dei venditori di ritenere vantaggioso costantemente un prezzo maggiore, viceversa un mercato in discesa.

Il cambiamento di tali equilibri provoca nel prezzo l’inversione di direzionalità. A tal proposito Paganini afferma:

“Da qui deriva la non intuitiva conclusione che quando i flussi di capitale si invertono (gli effetti degli acquisti superano quelli delle vendite o viceversa), il mercato inverte la direzionalità e si creano quelli che su un grafico sono visualizzati come minimi o massimi. Da qui, i trader professionisti iniziano i propri ragionamenti…”

Ecco qui spiegate, a parer mio, le fondamenta della Price Action.

I livelli di domanda e offerta, di cui parla spesso Arduino, non sono altro che quelle aree di prezzo che recentemente sono state di interesse rispettivamente per i venditori e compratori. Analizzare gli swing, i massimi e minimi decrescenti o crescenti, i trigger e la volatilità non è altro che analizzare quando gli equilibri cambiano e sfruttare questi momenti per entrare in posizione, spesso, in direzione del flusso principale.

Da questo è possibile rispondere anche al perché la Price Action non utilizza indicatori.

Se il mercato è dettato unicamente dall’equilibrio, come sopra esposto, e ciò che ci indica di entrare o uscire dal mercato deriva dal cambiamento di questo equilibrio, allora gli strumenti sopra esposti sono sufficienti per l’analisi. Qualsiasi altro indicatore sarà un’elaborazione di dati già osservati esposti sotto un'altra forma. Sempre Paganini afferma: “A questo proposito, occorre ricordare che gli indicatori non fanno altro che misurare delle caratteristiche relative alla variazione dei prezzi e che il prezzo incorpora sempre la componente più importante da considerare, ossia l'effetto degli acquisti e delle vendite effettuate sul mercato.”

K.I.S.S. Traders.

 

 

 
DISCLAIMER
Il presente sito ha esclusivamente finalità didattiche. Non deve pertanto essere inteso in alcun modo come consiglio operativo di investimento nà come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio. I risultati presentati - reali o simulati - non costituiscono alcuna garanzia relativamente a ipotetiche performance future. L'attività speculativa comporta notevoli rischi economici e chiunque la svolga lo fa sotto la propria ed esclusiva responsabilità, pertanto gli Autori non si assumono alcuna responsabilità circa eventuali danni diretti o indiretti relativamente a decisioni di investimento prese dal lettore. Il navigatore, pertanto, esonera Arduino Schenato, Here Forex, i suoi soci e collaboratori, nei limiti di legge, da qualsiasi responsabilità comunque connessa o derivante dal presente sito internet.