Trade the Market with my "Price Action Naked Method"

Su Forex, Indici, Materie Prime e Azioni
 
 
Articoli, commenti e strategie con Arduino Schenato!

 

 

Articoli e Video GRATIS!

 

Diventare Trader Ep. 32: Come Posizionare lo Stop Loss

Buongiorno a tutti traders, in questo articolo vorrei parlarvi di un argomento che spesso viene trascurato e che, invece, grazie al team di Hereforex, ho avuto la possibilità di approfondire: dove posizionare lo stop loss.

Ogni stile di trading possiede il suo modo per posizionare gli stop loss. C’è chi posiziona lo stop sotto un segnale, chi accetta una massima variazione di prezzo percentuale o altre tecniche. Non esiste un modo giusto o un modo sbagliato per farlo, bensì un modo può essere funzionale secondo uno stile di trading e non funzionale per un altro.

Arduino, per spiegare il modo che lui ritiene funzionale per posizionare lo stop, utilizza un discorso fatto da Bruce Kovner, importante investitore americano e gestore di hedge fund, che possiede una linea di pensiero molto simile a quella che dovrebbe avere un price action trader.

"Tutte le volte che apro una posizione, predetermino un livello di stop-loss. Questo è l'unico sistema per poter dormire la notte. In questo modo so quando chiuderò la posizione prima ancora di aprirla. Contrariamente al solito, non pongo però degli stop-loss sulla base di calcoli percentuali (per esempio, 4% dal prezzo d'acquisto), in quanto potrebbero essere livelli facilmente raggiunti nella normale fluttuazione del titolo. Preferisco studiare graficamente livelli difficilmente raggiungibili, e fissare lo stop-loss sugli stessi".

I primi tre periodi di questo discorso, pongono l’attenzione sull’accettazione del rischio. Vista la sua importanza questo argomento è costantemente trattato dal team di hereforex e su cui ho scritto numerosi articoli che vi invito a leggere. La parte successiva del discorso è il fulcro di questo articolo.

La scelta di Arduino pone le basi sulla ricerca, graficamente, di livelli strategici che siano difficilmente raggiungibili dal prezzo, o meglio livelli che se raggiunti provocano un cambiamento sostanziale della struttura del mercato. A conferma di tale “scuola” di pensiero Kovner afferma:

"Se il mercato è veramente forte, non deve comunque scendere fino a tal punto."

Dal mio punto di vista lo studio del grafico diventa, quindi, ancora più interessante. Bisogna, per quanto mi riguarda, sviluppare la capacità di guardare lo stesso grafico da due prospettive diverse: la prima che analizza la struttura, la definisce e capisce quali potrebbero essere i punti di entrata e il successivo sviluppo della struttura per la conseguente gestione; la seconda, possibile solo dopo aver fatto la prima, che analizza i punti superati i quali la struttura si indebolisce o cambia.

Ovviamente, con l’esperienza, queste due visioni si uniscono creando la prospettiva del price action trader, come quella di Arduino. Ma per noi apprendisti, non è detto che definire la struttura implica automaticamente sapere dove si “sgretola”.

In quest’ultimo periodo, il mio focus è su questo: una volta definita la struttura, su che livello tale struttura cambia? Se il mercato è veramente forte, sotto che punto non deve scendere?

 

K.I.S.S. Traders.

 

 
DISCLAIMER
Il presente sito ha esclusivamente finalità didattiche. Non deve pertanto essere inteso in alcun modo come consiglio operativo di investimento nà come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio. I risultati presentati - reali o simulati - non costituiscono alcuna garanzia relativamente a ipotetiche performance future. L'attività speculativa comporta notevoli rischi economici e chiunque la svolga lo fa sotto la propria ed esclusiva responsabilità, pertanto gli Autori non si assumono alcuna responsabilità circa eventuali danni diretti o indiretti relativamente a decisioni di investimento prese dal lettore. Il navigatore, pertanto, esonera Arduino Schenato, Here Forex, i suoi soci e collaboratori, nei limiti di legge, da qualsiasi responsabilità comunque connessa o derivante dal presente sito internet.