Trade the Market with my "Price Action Naked Method"

Su Forex, Indici, Materie Prime e Azioni
 
 
Articoli, commenti e strategie con Arduino Schenato!

 

 

Articoli e Video GRATIS!

 

Diventare Trader Ep. 44: Avversione alla Perdita

Avversione alla perdita: per la maggior parte degli individui la motivazione a evitare una perdita è superiore alla motivazione a realizzare un guadagno. Questo principio psicologico generale, che è probabilmente collegato a una sorta di istinto di sopravvivenza, fa sì che la stessa decisione può dare origine a scelte opposte se gli esiti vengono rappresentati al soggetto come perdite piuttosto che come mancati guadagni.

Ad esempio, è più facile rinunciare a un possibile sconto piuttosto che accettare un aumento di prezzo, anche se la differenza tra il prezzo iniziale e quello finale è la stessa.

Questo è uno dei fenomeni psicologici che è alla base della teoria del prospetto, una teoria decisionale, formulata da Daniel Kahneman e Amos Tversky.

Anche nel trading questa distorsione è piuttosto frequente. in particolare, si tende a percepire in maniera più intensa una perdita rispetto ad un guadagno, anche se l’importo è lo stesso. Le operazioni chiuse in perdita, tendono a rimanere impresse nella mente con maggiore facilità rispetto a quelle profittevoli.

Tutto questo avviene perché percepiamo la perdita di denaro come una minaccia alla nostra sopravvivenza. La morte e la perdita di denaro assumono lo stesso valore e come tale utilizziamo, per reagire, gli stessi meccanismi andando inconsapevolmente in gestione emotiva. In caso di perdita l’amigdala, responsabile della gestione delle emozioni, prende il controllo stimolando il rilascio di ormoni che innescano la reazione di attacca o fuggi.

Ovviamente in questa situazione non abbiamo più la possibilità di effettuare delle scelte ragionate in quanto il nostro cervello ritiene più importante sopravvivere, anche se non esiste una vera minaccia alla nostra sopravvivenza.

La chiave di lettura per poter lavorare su come affrontiamo e interpretiamo le perdite è proprio in quest’ultima frase. Non essendovi una vera minaccia alla nostra sopravvivenza dobbiamo lavorare sul non permettere al nostro cervello di interpretare la perdita di denaro come minaccia.

Essendo un meccanismo di reazione del nostro cervello automatico il primo passo è quello di riconoscere quando si sta per entrare in gestione emotiva, poi fermarsi e rallentare le decisioni. In questo modo permettiamo al nostro cervello di elaborare le informazioni ed effettuare delle scelte più funzionali e non dettate dall’emotività.

L’impegno, la perseveranza e il lavoro su se stessi sono punti fondamentali per poter gestire e modellare le reazioni del nostro cervello. Per alleggerire e velocizzare questo processo diventa funzionale confrontarsi con qualcuno che sia competente ed esterno alla situazione, in modo da permettervi di riconoscere se ciò che state facendo è frutto di un ragionamento cognitivo o emotivo.

 

K.I.S.S. Traders

 

 
DISCLAIMER
Il presente sito ha esclusivamente finalità didattiche. Non deve pertanto essere inteso in alcun modo come consiglio operativo di investimento nà come sollecitazione alla raccolta di pubblico risparmio. I risultati presentati - reali o simulati - non costituiscono alcuna garanzia relativamente a ipotetiche performance future. L'attività speculativa comporta notevoli rischi economici e chiunque la svolga lo fa sotto la propria ed esclusiva responsabilità, pertanto gli Autori non si assumono alcuna responsabilità circa eventuali danni diretti o indiretti relativamente a decisioni di investimento prese dal lettore. Il navigatore, pertanto, esonera Arduino Schenato, Here Forex, i suoi soci e collaboratori, nei limiti di legge, da qualsiasi responsabilità comunque connessa o derivante dal presente sito internet.